Han Mu Do - Italia - Caserta


Vai ai contenuti

Menu principale:


Regolamento

Han Mu Do Italia > Han Mu Do Caserta

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE ITALIANA HAN MU DO

Art.1. L’adesione ai corsi organizzati dalla Associazione Sportiva Dilettantistica HWA RANG KWAN tramite iscrizione,implica l’accettazione del presente regolamento, che verrà consegnato ad ogni socio al momento dell’iscrizione e sarà inoltre consultabile sul sito internet www.hanmudo.it

Art.2.
Liscrizione ai corsi, è subordinata alla compilazione del modello di tesseramento con i dati anagrafici, il consenso al trattamento dei dati e la liberatoria per la pubblicazione delle proprie immagini. Al momento dell’iscrizione è necessario versare una quota annuale per il tesseramento (anno sportivo: dal 1 settembre al 31 agosto successivo) fissa per l’Hanmudo. Tale quota è comprensiva del tesseramento WHA, World Hanmudo Association, e della copertura assicurativa. Si verserà inoltre la quota annuale di iscrizione, che potrà essere rateizzata in rate semestrali, trimestrali o mensili. Senza tali versamenti non sarà possibile partecipare ai corsi. Gli aspiranti soci hanno diritto prima dell’iscrizione a due lezioni di prova GRATUITE previa sottoscrizione di una dichiarazione di responsabilità.

Art.3. L'ASSOCIAZIONE ITALIANA HAN MU DO garantisce la massima riservatezza dei dati forniti con l’iscrizione. I dati verranno comunicati solo alla WHA per il tesseramento e all'ASI (o altro ente di promozione sportiva) per l’assicurazione. Tutti i dati comunicati dai soci saranno tutelati e accessibili solamente al comitato direttivo dell’Associazione siano essi sottoforma cartacea o dati informatizzati a loro volta protetti da password. Prima di iscriversi è necessario leggere attentamente il presente regolamento e l’informativa sul trattamento dei dati personali.

Art.4. L’iscrizione ai corsi verrà accettata solo se provvisti di certificato medico che attesti la sana e robusta costituzione fisica. Per coloro che hanno superato i 48 anni di età è necessario: E.C.G. da sforzo e Spirometria.

Art.5.Le quote mensili si regolarizzano entro le prime due lezioni del mese in corso. In caso di impossibilità a frequentare i corsi per motivi di salute, è necessario informare entro le prime due lezioni del mese la segreteria della palestra e il Maestro.

Art.6. Tutti i soci potranno sospendere in qualsiasi momento i corsi, unico obbligo è quello di informare preventivamente Maestro e palestra. Non saranno restituite le quote già versate.

Art.7. Le lezioni perse NON SI RECUPERANO, pertanto non è possibile chiedere allenamenti sostitutivi e sconti sulle quote mensili nel caso di assenza dai corsi.

Art.8. Se il socio è consapevole di non poter frequentare regolarmente le lezioni ha’obbligo di pagare ingressi singoli prima di ogni lezione o acquistare anticipatamente un abbonamento settimanale.

Art.9
Sconti particolari sono previsti per i componenti dello stesso nucleo familiare iscritti all’Associazione. Lo sconto si applicherà solo se i soci sono in regola con i pagamenti precedenti e solo nel caso di pagamento da parte di tutti i componenti dell’intera quota. Detto sconto sarà proporzionale ai componenti della famiglia iscritti all’Associazione anche se a corsi diversi.

Art.10. E’ possibile la stipula di convenzioni tra l’Associazione Italiana Han Mu Do e qualsiasi ente o associazione al fine di avere agevolazioni sulle quote per i propri dipendenti o associati.

Art.11. Per quanto riguarda le quote d’iscrizione,quote mensili e gli orari si fa riferimento al prospetto informativo vigente distribuito in palestra.

Art.12.Il socio è tenuto all’osservanza delle regole previste in questo regolamento compreso il rispetto degli orari e delle quote stabilite. I soci sono tenuti, inoltre, a un comportamento corretto nei confronti degli altri fruitori della struttura ed a utilizzare le attrezzature in dotazione nel modo idoneo.

Art.13. Tutti i soci sono tenuti a partecipare a tutti gli eventi (dimostrazioni, esibizioni, meeting, convegni ecc.) secondo il loro grado, età e capacità, e a giudizio insindacabile del Tecnico Responsabile, a meno di evidente, giustificata e improvvisa impossibilità. La mancata e ingiustificata partecipazione ad una o più competizioni o eventi comporta l’esclusione dalla successiva sessione degli esami di graduazione. Il calendario di eventi e manifestazioni sarà affisso in bacheca, pubblicato sul sito internet e comunicato agli atleti e ai genitori. La partecipazione alla manifestazione è subordinata al versamento della quota d’iscrizione (se prevista) indicata nelle comunicazioni entro la data stabilita. Il mancato versamento della quota nei tempi e nei modi stabiliti determina l’impossibilità da parte dell’atleta a partecipare all’evento in oggetto



Art.14. È obbligatoria la frequenza ai corsi. Le assenze devono essere ridotte al minimo, solo per giustificati motivi e comunicate anticipatamente al Maestro. Ciò stante, gli atleti che per qualsivoglia ragione, compresa malattia, lavoro, studio ecc, si assentano dalle lezioni per almeno 8 volte nell’arco di un trimestre, non saranno ammessi alla sessione d’esame successiva.

Art.15.. Gli esami di graduazione si tengono solitamente 2 volte l’anno in genere durante l’ultima settimana prima delle feste di Natale, di Pasqua e della chiusura dell’anno sportivo. È facoltà del Maestro, secondo le esigenze dell’Associazione, aumentare o diminuire il numero delle sessioni e/o modificarne la data senza alcun preavviso. Le date degli esami contestualmente ai nomi dei candidati vengono comunicati dai 10 ai 15 giorni precedenti a insindacabile giudizio del Maestro mediante affissione della lista in bacheca e tramite sito web. I candidati inseriti nella lista sono liberi di iscriversi o meno all’esame pagando la tassa entro e non oltre la data indicata nella comunicazione. Il mancato pagamento di detta tassa entro la data specificata evidenzia la volontà di non partecipare all’esame e pertanto l’esclusione dallo stesso. I candidati che per qualsiasi motivo non potranno partecipare agli esami nel giorno stabilito non potranno chiederne lo spostamento ad altra data e saranno rinviati alla successiva sessione, fermo restando il rispetto di tutti i presupposti per l’ammissione sopra specificati. Non è consentito ai soci o ai genitori degli stessi richiedere l’inserimento nell’elenco degli esaminandi. In caso di mancato superamento dell’esame, l’atleta potrà ripetere lo stesso nella seduta successiva, fermi restando il rispetto di tutti i requisiti e il nuovo pagamento della tassa d’esame.

Art.16. I tempi di permanenza con una determinata cintura variano a seconda della stessa. Per il passaggio da un grado al successivo è necessario rispettare detti tempi minimi che non possono essere ridotti per nessuna ragione. È consentito invece prolungare il tempo di permanenza con una determinata cintura a discrezione del Maestro. I tempi di permanenza sono affissi in palestra, pubblicati sul sito internet dell’Associazione www.hanmudo.it e qui di seguito sintetizzati:

Hanmudo
da bianca a gialla minimo 3 mesi
da gialla ad arancio minimo 3 mesi

da arancio a verde minimo 3 mesi

da verde a blu minimo 3 mesi
da blu a rossa minimo 3 mesi
da rossa a marrone minimo 6 mesi

da marrone a nera minimo 15 mesi
totale da bianca a nera minimo 36 mesi

Il periodo inizia a decorrere dalla data di iscrizione all’Associazione e contemporaneamente dall’iscrizione alla WHA. Si intendono per mesi di permanenza quelli effettivi di pratica dell' Hanmudo (non vengono conteggiate pertanto le pause per festività o assenze prolungate).

Art.17. I candidati all’esame di cintura nera fino a 3° dan, oltre a dover rispettare i tempi previsti e richiedere il benestare del Maestro, devono effettuare un preesame in palestra almeno una sessione prima a quella prevista per l’esame. È buona norma, comunque, richiedere sempre il benestare del Maestro anche per gli esami successivi al 3° dan, per i quali non sarà necessario sostenere il preesame.


Art.18. In caso di iscrizione di un atleta proveniente da altra arte marziale, questi dovrà iniziare dalla cintura bianca e rispettare i tempi di permanenza usuali. Gli atleti cinture nere o corrispondente di altra arte marziale che dimostrino eccezionali capacità nell’Hanmudo, possono, a discrezione del Maestro, sostenere l’esame di cintura blu dopo 8 mesi di pratica, o di rossa dopo 12 mesi.

Art.19.
Se un atleta non ancora cintura nera interrompe gli allenamenti per almeno 3 mesi, lo stesso dovrà sostenere un esame di riconferma del proprio grado dopo almeno 3 mesi di pratica, quando il Maestro lo riterrà pronto, rispettando tutti i requisiti di presenza e comportamento. Per le cinture nere il ritorno dopo tale periodo di assenza sarà subordinato al sostenimento dopo 3 mesi del preesame relativo al proprio dan.

Art.20.. In palestra ci si allena con l’apposita divisa (dobok) che deve essere acquistata non oltre la prima settimana successiva all’iscrizione. Nel frattempo va utilizzata una tuta qualsiasi con calzoni lunghi, oppure pantaloni di tuta lunghi e t-shirt bianca. Non è consentito, quando si è in possesso di dobok, allenarsi senza lo stesso tranne in casi eccezionali (massimo una volta l’anno). È compito del socio provvedere affinché il dobok sia pulito e pronto per l’allenamento. Il dobok deve essere indossato in tutti i suoi componenti: pantaloni, casacca e cintura. La mancanza di uno di questi sta a indicare mancanza della divisa in toto. Il dobok non può essere modificato dai soci in nessun modo (scritte, toppe, cuciture ecc.) che non siano precedentemente state approvate dal Maestro, né si possono indossare altri indumenti oltre ad esso (tute, kway, giubbotti ecc.). Sotto il dobok è consentito avere una t-shirt bianca, obbligatoria per le donne, sconsigliata per gli uomini. Nel periodo estivo è facoltà del Maestro consentire l’utilizzo di una t-shirt o una polo di colore bianco uguale per tutti al posto della casacca, mai dei calzoni corti. Sul tappeto si entra a piedi nudi: non è consentito tenere calzini, né scarpe, tranne in casi di impossibilità documentata. In tali casi, i bambini utilizzeranno i calzini bianchi, gli adulti le scarpette da arti marziali, entrambe (calzini e scarpette) da indossare solo ed esclusivamente sul tappeto. Non è permesso indossare sul tappeto gioielli, braccialetti e/o collane di qualsiasi tipo, orecchini, piercing e non si possono masticare gomme. Le unghie di mani e piedi devono essere corte e pulite. Il mancato rispetto delle norme elementari di igiene e pulizia e delle regole di abbigliamento comporta l’esclusione dalla lezione.

Art.21. La durata delle lezioni è fissata generalmente in un’ora 2 volte a settimana per l’Hanmudo. È facoltà del Maestro prolungare le lezioni per alcuni o per tutti gli atleti a seconda delle necessità e a propria discrezione. Per gli adulti dell’Hanmudo la durata dei corsi è solitamente di 1 ora e 15/30 minuti. È opportuno giungere sul tappeto con un anticipo di almeno 15 minuti rispetto al normale orario di inizio delle lezioni e comunque è raccomandata la puntualità. Non saranno tollerati più di due ritardi al mese e sempre per motivi di studio o lavoro, dopo di che non sarà consentito l’accesso alla lezione. Non è MAI consentito entrare in sala in assenza del Maestro o di un istruttore da lui incaricato. In tal caso si attenderà alla reception della palestra l’arrivo di un responsabile. Gli atleti che non possono restare fino al termine delle lezioni per motivi di studio o lavoro sono tenuti a comunicarlo al Maestro a inizio allenamento per richiedere la sua autorizzazione a lasciare anticipatamente la sala. Tale richiesta non potrà essere effettuata più di due volte al mese. Due tra ritardi alle lezioni e/o uscite anticipate verranno conteggiate come una assenza e di conseguenza si sommeranno a quelle per il computo dell’ammissione agli esami. Le norme su ritardi, uscite anticipate e assenze potranno essere parzialmente derogate attraverso accordi presi di volta in volta col Maestro solo ed esclusivamente per gli appartenenti alle forze dell’ordine e in caso di obblighi di lavoro documentati. Mai per motivi di studio o altra ragione.

Art.22. I soci saranno divisi per età e grado in 2 turni in differenti orari:
Bambini: 6 – 12 anni: 1° turno - fino a cintura verde - ore 16,30 – 17,30
Adulti: 13 anni in su: 2° turno - tutte le cinture - ore 21,10 – 22,30
È facoltà del Maestro aumentare o diminuire il numero dei turni a seconda delle esigenze dell’Associazione e includere atleti di età o grado diverso rispetto al turno di pertinenza. È consigliato per esigenze didattiche rispettare le direttive del Maestro per la collocazione degli atleti nei turni di pertinenza; è consentito, per validi motivi, chiedere lo spostamento in altro turno


Art.23. In caso di necessità e su richiesta del Maestro, è gradita, compatibilmente con impegni scolastici e lavorativi, la massima collaborazione, anticipandosi nell’orario di arrivo in palestra, aiutando gli istruttori durante l’allenamento e/o sostituendo il Maestro nell’eventualità di una sua assenza. La mancata collaborazione per due volte nello stesso trimestre comporta l’esclusione dalla successiva sessione d’esame. Le cinture nere a partire dai 16 anni di età sono tenuti a dare la massima collaborazione nella gestione e nello svolgimento delle manifestazioni in termini di assistenza e incoraggiamento per i partecipanti e ausilio per il Maestro, come pure nell’organizzazione di eventi direttamente effettuati dall’associazione. La mancata collaborazione per due volte nello stesso trimestre comporta l’esclusione dalla successiva sessione d’esame

Art.24. Agli eventi pubblici ci si presenta con la tuta sociale indicata dal Maestro. Il kit completo va acquistato entro i primi 2 mesi dall’iscrizione all’Associazione.


Art.25. Non è consentito, tranne in casi eccezionali e previo permesso da parte del Maestro, assistere alle lezioni da parte di amici, parenti e/o conoscenti. I genitori/accompagnatori possono restare in sala solo durante le lezioni di prova dei bambini. I genitori e gli eventuali accompagnatori sono pregati di non condurre, né venire a prendere i bambini in sala. In tal caso è opportuno che questi indossino la divisa già a casa. Per le comunicazioni al Maestro da parte di genitori e/o parenti di atleti si prega di attendere l’intervallo tra le lezioni o la fine delle stesse. In ogni caso tutte le informazioni generali riguardanti qualsiasi avvenimento vengono affisse in bacheca, comunicate a tutti gli atleti e ad una rappresentanza di genitori di ogni turno e pubblicate sul sito web. Nella maggior parte dei casi un atleta adulto delegato dal Maestro sarà preposto a fornire ogni genere di informazioni ai genitori dei bambini più piccoli.

Art.26. È usanza 2 o 3 volte l’anno organizzare una cena solitamente in occasione delle festività di Natale, Pasqua e per fine anno sportivo, solitamente in concomitanza, anche se non necessariamente, degli esami di graduazione. Tutti gli atleti con relativi genitori, se minori, sono tenuti a partecipare a tali cene indossando, se richiesto dal Maestro, la tuta sociale. È allo stesso modo raccomandato partecipare alle feste organizzate dal Centro Sportivo che ci ospita. I dettagli riguardanti orari e ubicazione di cene e feste saranno comunicati di volta in volta agli atleti e ai genitori e pubblicati sul sito internet www.hanmudo.it

Art.27.
L’ASSOCIAZIONE ITALIANA HAN MU DO fissa ogni anno un certo numero di riunioni e assemblee con tutti i soci, solitamente a inizio e fine stagione e comunque in caso di necessità. Le date, l’oggetto e il luogo delle assemblee verranno comunicate di volta in volta tramite affissione in bacheca e pubblicazione sul sito web. La partecipazione a tali riunioni/assemblee è importante e vivamente raccomandata da parte degli atleti e dei genitori dei soci minorenni.

Art.28.
Per qualsiasi eventuale altro argomento in questa sede non contemplato ci si atterrà alle direttive del Maestro


Home Page | News | Sull'Han Mu Do | Han Mu Do Italia | Esami | Articoli | Foto | Video | Contattaci | Forum | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu